Silence, il suggestivo film sulle persecuzioni dei gesuiti

Silence, l’atteso film di Martin Scorsese, arriverà nelle sale americane il 23 dicembre e in quelle italiane il 12 gennaio. Dopo un’attesa lunghissima, Paramount Pictures ha finalmente pubblicato il primo trailer del film, diretto da Martin Scorsese.

Silence, tratto dall’omonimo romanzo di Shusaku Endo del 1966, racconta del gesuita Padre Sebastião Rodrigues (interpretato da Andrew Garfield). Il missionario, raggiunto in Giappone da Padre Francisco Garrpe (Adam Driver), è alla ricerca del mentore spirituale che ha purtroppo perso la fede (Liam Neeson).

Il viaggio però si rivelerà piuttosto arduo e lungo, a causa delle severe persecuzioni cristiane di quel determinato periodo storico.

Silence, la première in Vaticano

Silence l’atteso film di Martin Scorsese, avrà la sua première in Vaticano e godrà della presenza di centinaia di gesuiti e ospiti importanti.

Ancora non è stata confermata la presenza di Papa Francesco alla visione del film, ma Scorsese potrà probabilmente incontrare il Pontefice per parlare con lui dei messaggi trasmessi nel film.

Silence è diretto da Scorsese che è anche co-produttore e co-sceneggiatore con Jay Cocks (Gangs of New York e L’età dell’innocenza)

Silence, la ricerca della verità storica

Per realizzare il film Silence, Scorsese si è affidato alla consulenza del reverendo James J. Martin, che guida la comunità di gesuiti di New York. La collaborazione tra il regista e il reverendo è stata di prima necessità per la ricerca della fedeltà storica.

Non è la prima volta che il Vaticano viene chiamato alla visione di un film a sfondo religioso: nel 2003 Papa Giovanni Paolo II vide e approvò La passione di Cristo di Mel Gibson. Nel 2006, il film Nativity di Catherine Hardwicke fu presentato davanti a circa 7mila persone a Città del Vaticano. Il Papa Benedetto XVI non prese però parte alla proiezione.

Di recente, invece, nel 2015 fu la volta del film Unbroken di Angelina Jolie, anche in questo caso senza però la presenza del Papa.

Commenti